L’ESPANSIONE DELLA COSCIENZA ATTRAVERSO IL CAMMINO DEL CUORE: il Sufismo come fonte mistica ispiratrice del nostro Metodo di Evoluzione Interiore

UN SUFI PUÒ SEGUIRE IL SUO CUORE:

Il ricercatore spirituale che scommette tutto sull’amore

 

Preparati a sentire la migliore notizia della tua vita: Siamo il grande tesoro della creazione, siamo la celebrazione della divinità, ci meritiamo il meglio del meglio! Quando recuperiamo la dignità che emerge dal ricordo di ciò che siamo, attraverso la nostra stessa Coscienza ci diamo dimostrazione che l’amore è la nostra essenza e che la fiducia è il cammino verso la fioritura.

Un sufi è un discepolo che sta cercando di recuperare la fiducia attraverso l’amore per un maestro.

Così come la divinità è l’energia di Dio, la maestria è l’energia del maestro, la creazione è l’energia del creatore, la fiducia è l’energia del discepolo. Attraverso la fiducia, il sufi accede all’amore del maestro, al potere della creazione e alla gioia della divinità.

 

UN VIAGGIO VERSO DENTRO

Per conoscere qualunque luogo del mondo è necessario intraprendere un viaggio e attraversare un determinato cammino; per conoscere la tua stessa anima, solo è necessario aprire la porta del cuore. Entrare dentro noi stessi sembra un viaggio molto lungo e noioso, poiché abbiamo costruito un labirinto protettivo che ci difende dall’entrata dell’esteriore. Tuttavia, il problema è che dopo aver costruito questo impenetrabile muro ci ritroviamo fuori, in mano agli altri e alle loro proiezioni, prigionieri delle loro conclusioni su noi stessi, senza poter sfuggire alla credenza che creiamo tramite le loro parole e i loro sguardi. Per questo, quando intraprendiamo questo cammino verso la riconquista della nostra anima, ci costa tanto entrare nel cuore, e ci sembra che dobbiamo compiere un sentiero labirintico e molto complicato verso il nostro essere, quando, in verità, siamo già lì, avendolo tuttavia dimenticato.

Il cammino sufi è il cammino del cuore, un cammino di ritorno alla nostra essenza gentile, divina e amorosa…

 

LA RELAZIONE CON IL MAESTRO

Per compiere il cammino di reincontro con la nostra essenza, in genere, come guida, cerchiamo uno o più maestri; sembra proprio una tendenza di questi tempi che le persone in cerca di spiritualità abbiano molti maestri, tuttavia, in genere, quasi nessun discepolo è perdutamente innamorato di qualcuno di loro, e, chissà, magari questa è la ragione per cui l’avanzare del cammino è così lento, incerto, intriso di dubbi per la maggior parte delle persone in cerca di sanazione o trasformazione, poiché, il cammino verso il cuore si percorre a partire dall’amore per il maestro. Siamo in un’epoca in cui siamo “follower” sui social network, siamo fan di pagine e personaggi, leggiamo e ascoltiamo, in qualità di ammiratori, coloro che riconosciamo come saggi, per non aprirci ad amare. Così, si mantiene una certa distanza, una certa lontananza, prendiamo misure preventive affinché niente e nessuno ci entri nel cuore.

Un autentico maestro è colui che comprendere questa situazione e ci guida verso la maturazione del nostro amore mediante un vincolo. Il maestro è l’amato, il discepolo è l’amante e il vincolo che creano è l’amore. Questo è il ponte e il cammino verso il cuore: L’AMORE. Quando il maestro e il discepolo comunicano, si risveglia la fiducia, fino ad allora sopita, così che si crei un vincolo di unione che li trasformerà in una comunione (comune unione), questa è l’UNIONE MISTICA, quello che il sufismo definisce il cammino dell’amore.

IL CAMMINO VERSO “LUI”:

Gli 11 presupposti del metodo che ho creato si basano per lo più sul sufismo. Di fatto, il primo presupposto afferma: QUESTO METODO NON FUNZIONA! perché, affinché arrivino l’amore, il mistero e la trasformazione interiore, nulla funziona. Uno dei maestri sufi più riconosciuti, il poeta Hakim Sanai, scrisse: “Abbiamo cercato di razionalizzare il nostro cammino verso di “lui”, tuttavia non ha funzionato. La ragione ci ha portato fino alla porta, tuttavia fu la sua PRESENZA ciò che ci permise di ENTRARE”.

L’amore, il cuore, il mistero non è una meta o un obiettivo, è una realtà intrinseca, per cui, se vogliamo arrivare lì, percorreremo un cammino lungo il quale arriva il momento in cui troviamo un punto critico, quando cioè ci troviamo davanti alla porta e non possiamo continuare, poiché a LUI non si può arrivare; questo è il momento in cui abbandonare la ragione, lasciare andare il passato, mollare il controllo e buttare via tutto il peso delle conclusioni a cui siamo arrivati lungo tutta la vita, poiché non si può entrare nel cuore mediante nulla che non sia inerente all’essere puro, chiaro, immacolato.

Nulla di razionale ha la possibilità di funzionare nel momento dell’incontro con il mistero, poiché tutto ciò che pertiene al mistero della vita è irrazionale, e tutto ciò che dà senso alla vita sorge dalla resa all’irrazionale. Per questo Hakim Sanai scrisse nella prima pagina del suo libro “Il giardino cintato della verità”, questa profonda verità:

Nel momento in cui ci arrendiamo, nessun ostacolo rimane”

Questo è il contenuto su cui si basa il primo dei nove moduli formativi della Scuola Cosciente: LA RESA

Arrenderci, consegnarci, metterci a disposizione, aprire il cuore, smettere di cercare, smettere di agire per ricevere, mettere a tacere la nostra mente per ascoltare o, semplicemente, FIDARSI! Una sola parola di incredibile potere, un verbo divino che usiamo nella nostra Scuola Cosciente come PAROLA ENTEOGENA, che ha il potere di trasformare a partire dall’interno, che guida verso la comprensione di ciò che siamo e di tutto ciò che viviamo, per recuperare l’armonia e la riconciliazione con il mondo, con gli altri e con l’esistenza.

Questa è l’esperienza mistica: se qualcuno ha fiducia in te, sorge l’amore; verso di te e verso chi ha fiducia in te. Questo è il cammino spirituale: se qualcuno ti ama, sorge la fiducia, verso di te e verso chi ti ama.

Questo è il cammino Sufi. Questo è ciò che sto insegnando in tutto il mondo attraverso la Scuola Cosciente: L’AMORE ATTRAVERSO LA FIDUCIA E LA FIDUCIA ATTRAVERSO L’AMORE

Alberto Varela

nosoy@albertojosevarela.com

Prossimamente Alberto Varela sarà in Israele, Turchia e Giappone portando questi insegnamenti con la Scuola Cosciente, che si sta espandendo, in questo 2019, proprio in quei paesi dove nacquero le scuole mistiche e in cui in parte affondano le radici del Metodo di Evoluzione Interiore. Questo METODO si sta difffondendo in tutto il mondo, con sorprendente accoglienza da parte di persone di tutte le religioni, di tutti i credo, le culture, le filosofie. È l’esperanto della spiritualità perché riunisce e unifica senza escludere; tutte le scuole mistiche della storia hanno un posto nel cuore di un sufi.

 

Quota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su