PROCESSO DI GUARIGIONE IN GERMANIA CON  KAMBÔ E ALTRI RIMEDI SCIAMANICI. Testimonianza di una donna sul potere delle sostanze naturali ancestrali.

PERCHÈ SEMPRE PIÙ PERSONE FANNO QUESTI TRATTAMENTI COSÌ POTENTI E INTENSI?

 Il mio trattamento con il Kambô in Germania – rimedio sacro degli sciamani.

 

Ho avuto il coraggio di rifarlo qualche giorno fa. Generalmente ho un’intuizione molto forte e chiara che mi avverte quando qualcosa mi sta aspettando. E così, nelle ultime settimane e mesi, ho avuto un forte bisogno di ricevere un altro trattamento di Kambô. Poiché non potevo permettermi un altro viaggio in Sud America, ho cercato delle opportunità in Germania e le ho trovate. In questo articolo puoi scoprire di più sulla mia seconda sessione, su questo amorevole rimedio sciamanico e sui tipi di trattamento con il kambô.

Kambô, la mia seconda sessione

Qualche tempo fa misi “mi piace” su una pagina Facebook tedesca che offre Ritiri di Ayahuasca in Germania (Ayahuasca International Germania). All’inizio ero più scettica: non conoscevo le persone che lo organizzavanono, e certamente ci sono alcuni che non lo svolgono adeguatamente. Decisi inizialmente di monitorare il sito e seguire le loro pubblicazioni.

Mentre il mio desiderio di fare la sessione di Kambô diveniva più forte, scoprii che questa organizzazione offriva anche questo tipo di trattamenti. La mia mente cercava di resistere, ma tutte le altre circostanze (è il mio destino?) mi portavano a ricercare e svolgere quella sessione. Così mi sono messa in contatto con loro e sin dall’inizio sono stati molto gentili, pazienti e hanno avuto il tempo di rispondere a qualsiasi mia domanda e commento.

Tutti i miei dubbi sono scomparsi e alla fine ho prenotato una sessione di Kambô per 185 €. Per prepararmi, nei giorni precedenti ho mangiato solo cibi leggeri e ho digiunato nelle 17 ore prima del trattamento (12 ore sono sufficienti). I ritiri si svolgevano in una bella casa a graticcio di legno nel mezzo della foresta vicino a Colonia. Questo ambiente era così magico! Nient’altro che alberi tutto intorno, così lontani dalla vita di tutti i giorni, così vicini alla natura. Si riuscivano a sentire i suoni morbidi e rilassanti di un ruscello lì vicino. Sono arrivata un po’ in ritardo perché nevicava e l’autostrada A1 si era bloccata. Inoltre, l’uscita dell’autostrada era completamente chiusa e ho dovuto prendere una strada alternativa. Ho suonato il campanello ed ero nervosa per il fatto di essere in ritardo, avevo già preparato le mie scuse, ma quando Hinnerk, uno degli organizzatori, ha aperto la porta, la maniera in cui mi ha accolto mi ha trasmesso una tale pace e serenità, da non esserci bisogno di alcuna spiegazione. Mi ha mostrato la stanza principale, dove ho subito notato il dolce profumo del Palo Santo. Ciò mi ha già dato una sensazione familiare, perché spesso utilizzo questo legno sacro a casa. Sul pavimento c’erano molti materassi colorati con cuscini colorati e coperte.

Per spiegare meglio: in questo ritiro, ero l’unica persona ad aver prenotato solo una sessione di Kambô. Altre persone (ma non tutti) avevano prenotato la sessione di Kambô a parte, ma il vero scopo della loro partecipazione era il Ritiro di Ayahuasca. Dato che il Kambô è particolarmente ricettivo di ciò che si sperimenta dopo averlo assunto, Kambo e Ayahuasca sono una combinazione molto potente. Le persone che erano lì si erano appena svegliate (dal loro viaggio) quando sono arrivato al mattino. Alcuni di loro stavano dormendo nelle loro stanze, mi hanno accolto con amore e familiarità e sono diventata subito parte del gruppo. La maggior parte delle persone aveva la mia età. Sono stata l’ultima dei cinque partecipanti ad arrivare. Hinnerk mi ha invitato prima di tutto a prendermi del tempo per ambientarmi e mettermi comoda. Quindi, con gli acquerelli che erano sul tavolo, ho iniziato a dipingere il fantasma di una rana, mentre guardavo le altre persone intorno a me, sentivo tutte le energie interessanti, cosmopolite, pacifiche e belle. In nessun momento mi sono sentita a disagio, era più come “tornare a casa”.

Il trattamento di Kambô

I quattro partecipanti già presenti hanno svolto la loro sessione prima di me. Abbiamo iniziato uno dopo l’altro. Ognuno, dopo aver ricevuto il trattamento,  si sedeva accanto a Hinnerk, di fronte a una parete di finestre con una vista diretta sul giardino e sul bosco. Tutti gli altri si sedevano intorno a lui e osservavano la persona lateralmente rispetto al suo processo.

Il processo degli altri

Vi racconto anche brevemente come è andata alle altre persone. La prima persona non ha avuto alcun effetto visibile, diceva di non sentire molto, ma questo non significa affatto che il Kambô non abbia funzionato su di lui, dato che l’effetto è molto soggettivo. Nella seconda persona la situazione è stata molto diversa: doveva lasciar andare molte cose ed è stato un processo difficile. Ricordo che disse: “Oh Dio, voglio morire, voglio morire”. Rilasciava parecchio muco giallo e Hinnerk ha spiegato che il muco rappresenta sempre sentimenti repressi. Per lei il processo ha richiesto più tempo. Quando l’ho vista così, ho pensato di andarmene, perché ero molto spaventata. Non riusciva a sentire le sue mani e i piedi. Hinnerk ci diceva che quello era il vecchio stress che voleva andarsene, e lui e la sua affascinante ragazza Carlota iniziarono a massaggiarle le mani con amore. Il seguente non ha avuto molto effetto ma poi è stato portato in bagno e probabilmente è successo lì. E con la quarta persona è andato tutto bene.

La mia esperienza

Poi è stato il mio turno. Ogni volta che Hinnerk notava che il processo della persona che aveva appena trattato stava per terminare, diceva al seguente: “Puoi iniziare a bere”. E quella è stata la parte più difficile per me. Bere almeno 1,5 litri d’acqua a stomaco vuoto. Dopo un litro ero già piena e mi sentivo male al solo guardare l’acqua. Ma mi sono calmata e ho bevuto l’ultima parte. Oh, ho dimenticato di dire che prima mi hanno dato il rapé; mi è stata soffiata nel naso una miscela di erbe essiccate (tabacco sacro). Poi ho dovuto sedermi, rilassarmi e semplicemente ricevere. Il rapé è molto efficace. Successivamente, dirò di più sul processo.

Quando mi sono seduto sulla sedia per il Kambô, Hinnerk mi ha chiesto come desideravo che venissero fatti i punti, come una linea, un cerchio o una spirale, e ho scelto la spirale.

Poi ha bruciato i punti sulla sua pelle e mi ci sono voluti solo pochi secondi per chiedergli di darmi il secchio. Immediatamente l’ho sentito nel mio cuore e da lì il calore e la pressione che pulsavano in tutto il mio corpo. È un’enorme pressione sullo stomaco e sulla testa, e hai la sensazione di esplodere immediatamente. Ho anche vomitato molto. Hinnerk non si allontanava da me, era seduto molto vicino, mi osservava nel mio processo e si prendeva amorevolmente cura di me. Nel frattempo, puliva la mia aura con fumo di salvia, Palo Santo e uno spray speciale.

Devo dire che il processo del mio secondo trattamento in Germania è stato più difficile del primo in Argentina. Forse perché avrei dovuto bere un po’ di più questa volta? Quando Hinnerk mi chiese come stavo, gli dissi che sentivo molto caldo e lui rispose: “Ok, allora devi bere ancora di più”. E ho già menzionato nel mio ultimo articolo che il Kambo è la medicina del fuoco. Ho guardato con occhi spaventati il ​​mini-bicchiere che mi porgeva e ho pensato: vuole davvero che beva TUTTO? In quel momento per me era molto difficile bere, ma allo stesso tempo sapevo che era importante per me e per tirar fuori tutto. Ho davvero sofferto e in quel momento ho pensato che non l’avrei mai più fatto. Ma lo pensi solo nel momento in cui lo provi. Avrei ripetuto il trattamento già poche ore dopo. Non perché ne avevo bisogno, ma perché lo volevo. È come una nascita, il momento in cui pensi di stare per morire, ma lo faresti di nuovo.

Oh sì, e le mie labbra erano completamente gonfie, sembravo un’anatra. Ciò accade per il fatto di piegarsi in avanti per molto tempo verso il secchio. Ci si dovrebbe sedere e rimanere con la schiena dritta. Alla fine, in qualche modo, non avevo alcuna energia. Ho chiesto se potevo andare a letto e dormire, ma non era ancora finita, quindi dovevo continuare ancora per un po’. Ero davvero disperata. Esattamente, questa parola lo riassume molto bene. Disperazione. Molte cose accadono in te e tu senti ​​tutto e ti stanchi, ma devi aspettare, fidarti e lasciarlo accadere. Hinnerk ci aveva precedentemente detto che per le popolazioni indigene l’intero processo dura non più di dieci minuti. Perché loro già lo conoscono, lo lasciano accadere, non resistono e semplicemente lasciano che funzioni. E questo è quello che mi è venuto in mente durante il processo e così mi sono rilassata e ho cercato di sentire tutto ciò che potevo, e come questa medicina mi impregnava d’amore dall’interno. Poi ho bevuto un po’ e quando ho notato che potevo tenere l’acqua senza più vomitare, ho capito che tutto era finito. I gentili organizzatori mi hanno preparato un materasso e io sono andata a letto e mi sono addormentata.

Quando ho aperto gli occhi, c’erano altre persone nella stanza che non avevo mai visto prima. Erano quelli che dormivano al piano di sopra. Tutto era così familiare. Le persone erano rilassate, un ambiente piacevole di totale libertà. Lo stato d’animo era davvero profondo e rilassato. Sapeva di “pisolino all’asilo”. E il tempo si era fermato. Senza obblighi, nessuno pensava al lavoro o alle bollette. Sei semplicemente nel qui e ora. Quando ho pulito il secchio nel water, mi sono guardata allo specchio e sono rimasto sbalordita: le mie labbra erano ancora gonfie. Mi vedevo come Chiara Ohoven (“Tutto è reale …”). Ma, per fortuna, sono tornate normali rapidamente.

Perché faccio tutto questo?

Molti mi chiedono perché mi applico secrezioni di rana tossica sulla pelle e poi vomito la mia anima fuori dal corpo. Bene, posso spiegartelo così. Dopo il mio primo trattamento, la mia vità è completamente cambiata, in maniera positiva, ovviamente. L’effetto concreto del Kambô si può sentire solo nelle successive settimane/mesi. Quando guardo indietro, mi rendo conto che molte cose sono successe dopo il mio primo trattamento. Ho deciso di vivere la mia verità e prendere una direzione completamente diversa. Alcuni non osano farlo in tutta la loro vita e vivono solo per compiacere gli altri e adattarsi al sistema. Questa non sarebbe più un’opzione possibile per me. Ho sempre sentito che c’è di più nella vita. In quel periodo soffrivo di depressione e ansia, perché per un breve periodo avevo accettato che fosse tutto lì: lavorare dalle 9 alle 17, pagare le bollette, guardare la TV, … Naturalmente, ti spaventi, perché senti dentro di te che la vita è molto più di questo. Sono così felice di aver trovato il mio cammino verso quell’esperienza e il Kambô mi ha aiutato a prendere finalmente il potere e ad affrontare le cose. L’anno scorso è stato molto frenetico e ho imparato molto e sono stata in grado di creare una buona base per la realizzazione di tutti i miei sogni.

Ora continuerò a crescere e fare passi avanti. Sono molto grata per tutte le lezioni che ho appreso nel 2017 e ora, nel 2018, posso finalmente iniziare a vivere. Per ora devo fare un passo molto importante e prima di partire, vorrei pulire tutto con il Kambô, in modo che tutto ciò che voglio possa trovarmi e per raggiungere i miei obiettivi con facilità. I popoli indigeni parlano di un’energia negativa chiamata “panema”. Questa energia è responsabile della sfortuna, dei blocchi e dell’apatia e circonda l’uomo come un velo che gli impedisce di ricevere tutte le energie spirituali. Ed è in quel modo che mi sentivo prima. Come se avessi dei blocchi. Sono arrivata fino a qui e ora mi manca poco, ma molte volte mi mancava la motivazione. A volte non avevo nemmeno la forza di buttare la spazzatura e la procrastinazione era un grosso problema.

Con il Kambô, tutto è cambiato immediatamente. Inoltre, volevo disintossicarmi di nuovo. E un’altra grande ragione era che avevo bisogno di nuovi amici, persone come quelle che ho trovato lì. Una settimana dopo ci siamo incontrati a casa di Hinnerk per un incontro informativo. Mi sono affezionata tantissimo a tutti. Siamo rimasti a mangiare insieme, ora abbiamo un gruppo WhatsApp e ci incontreremo sicuramente più spesso. Presto li inviterò tutti a casa mia. Amo l’energia all’interno di questo gruppo! È tutto nuovo e interessante. Quando lo sciamano di Buenos Aires mi chiese quali fossero in quel momento le mie motivazioni per fare la toma, sentii nel profondo di me stessa il desiderio di  avvicinarmi al successivo livello spirituale. Poi, si aprì a me un mondo completamente nuovo, nel quale mi fu permesso di scoprire me stessa. E avevo finito le ricerche ed ero pronta per nuovi contributi, che ovviamente poi ottenni. Ogni volta che penso di sapere tutto, mi si apre una nuova sfera, che mi fa capire che non so nulla… La prossima cosa che proverò è naturalmente l’Ayahuasca e il Bufo Alvarius. Ma parliamo ancora degli effetti del Kambô.

Le prime manifestazioni dopo la toma:

  • Il giorno seguente mi sono alzata alle 6 in punto ed ero così piena di energia ed entusiasmo per quello che avevo fatto. Ero ancora a letto e mi sono venute in mente tante idee per la testa. Come se avessi scaricato le informazioni direttamente dall’universo… Credi che ti poni nel suo potere e in azione.
  • Sono stata in grado di dormire senza luce per molto tempo. Ho perso alcune paure e provo un sensazione di fiducia.
  • Non so se è solo soggettivo, ma mi sembra che il mio viso sia molto più carino da allora. Mi piace guardarmi allo specchio e ammirare quanto sono bella (tema dell’amor proprio). Quando mi asciugo il corpo la mattina dopo aver fatto la doccia, mi meraviglio sempre della mia bella pelle e amo il mio corpo ( prima molto meno).
  • Mi occupo di più del cibo. In generale presto attenzione alla mia dieta, cerco di mangiare il maggior numero possibile di verdure e cibo essenziale. Ora, ovviamente, voglio beneficiare dell’effetto di disintossicazione fisica il più a lungo possibile. Il Kambô ha più o meno lo stesso effetto di due settimane di digiuno con l’acqua e non voglio che le tossine si riaccumulino velocemente, quindi da allora ho prestato più attenzione alla mia dieta. Trovo più facile mangiare di meno e sono molto orgogliosa di continuare in questa maniera.
  • Al lavoro mantengo un atteggiamento calmo in situazioni di stress e, in generale, sono profondamente rilassata. Anche per quanto riguarda il futuro.
  • Trovo più facile focalizzarmi sui miei obiettivi che sulla voce che dice sempre che non posso fare qualcosa. Quella voce se ne è quasi andata.
  • E sì, il Kambô porta miracoli nella tua vita. Sono passati solo pochi giorni, ma sono successe così tante cose. Improvvisamente attiro tante meraviglie e ne sono immensamente grata. Imparo molto e ricevo tanti regali (non materiali). L’ultima volta è stata la stessa cosa. Quante persone meravigliose mi hanno contattato dal nulla, non può essere una coincidenza…
  • Non ho più così tanto interesse per le cose materiali. Prima di questo processo, ero solita fare una lista delle cose che avevo bisogno di comprare. Quando guardo quella lista ora, mi rendo conto che non ne avevo bisogno, perché già sono ricca, ho un corpo e la mia mente. Ora compro solamente le cose che mi aiutano nella mia crescita spirituale, come pietre curative per meditare, un Palo Santo, libri… La mia doccia sta diventando più vuota. Prima acquistavo sempre tanti prodotti di bellezza costosi, oggi posso veramente sentire che non mi serve affatto spargere questa sostanza chimica su di me. Ora sono felice utilizzando semplicemente sapone organico e shampoo biologico. Lascio che siano unicamente gli olii naturali a nutrire la mia pelle. Sento ciò che mi piace e quello che non fa per me.
  • Questo collegamento con la natura, lo stavo aspettando con ansia. Voglio solo sedermi al buio durante la notte, guardare fuori dalla finestra e osservare la luna, che atterra, sentire questo pianeta…
  • Inoltre, sento di nuovo questo impulso di andare in Sud America. Questo è quello che devo fare. La mia intuizione dice che questo sarà il prossimo capitolo. È ora di andare in Sud America. Avevo già questa sensazione, ma ora è divenuta molto più intensa. Ascolto tutto il tempo musica spagnola sulla natura.

La migliore giornata da molto tempo

Ora ti dico brevemente come è finita la giornata dopo la sessione. Ci siamo stesi sui materassi sul pavimento, e Carlotta ci ha guidato in una meditazione per radicarci. Dopo di ciò, uno dopo l’altro abbiamo raccontato come avevamo vissuto la notte dell’Ayahuasca e la sessione di Kambô. Penso che ci fossero un totale di dieci persone e la discussioni è durata per circa due ore, perché tutti hanno descritto le esperienze e le visioni nel dettaglio e le abbiamo analizzate di nuovo nel gruppo. Non ero presente nella notte di Ayahuasca, ma è stato molto emozionante sentire come tutti l’hanno vissuta. E questo mi ha spaventato un po’. Ciò che tutti avevano in comune era l’esperienza dell’unità. Sentiamo parlare di ciò molto spesso, nella spiritualità e anche nella fisica quantistica, rispetto all’esistenza di un campo che ci collega tutti insieme. So che siamo tutti uno, ma so che è solo in teoria. E queste persone lo hanno davvero sentito e compreso con l’Ayahuasca. Quindi, per esempio, qualcuno dice che ora capisce che viviamo diverse vite e che forse questa non è la cosa più importante in questo momento. Un altro ha sentito la sofferenza e il dolore che il suo popolo sperimentò nei secoli passati, i sentimenti dei suoi genitori ed è arrivato anche a capire meglio le sue azioni. È emerso da un bozzolo e si è liberato della sua eredità.

Questo è ciò che io ho ascoltato e, naturalmente, l’ho analizzato ed è come se l’Ayahuasca ti portasse dalla testa al tuo cuore e ti portasse a sentire varie cose. Tutti hanno confermato che potevano sentire i sentimenti di determinate persone (a seconda dell’argomento che dovevano affrontare). Sono emersi vecchi traumi e riuscivano a percepirli e comprenderli con una consapevolezza diversa (superiore). E mi sono resa conto che hanno anche capito cosa devono fare ora per condurre una vita migliore. Quindi, hanno già le soluzioni a portata di mano.

Più tardi abbiamo mangiato tutti insieme, una ragazza dell’equipe ha fatto un’ottima cena (vegana/vegetariana) e ci siamo davvero divertiti. Mi sarebbe piaciuto rimanere lì e con quelle persone meravigliose, ma dovevo andare a casa prima o poi. Mentre attraversavo la foresta oscura per tornare in città, tutto sembrava così irreale. Ero stata lì per circa dieci ore e, sulla strada di casa, dovevo prima capire che ero tornata alla vita normale. “Su quale pianeta sono stata?” Mi chiedevo. Il mondo reale e la vita quotidiana mi sembravano così assurdi. Una volta che hai sperimentato qualcosa del genere, è così ridicolo pensare al lavoro e ad altri problemi non importanti. L’unica cosa che ho fatto è stata comprare qualcosa al supermercato e credo di essere stata come un alieno nei corridoi. Vedevo tutte quelle persone stressate, pensando a ciò che pensano e si aspettano dalla vita. Tra il mondo e il mondo in cui ero stata giusto pochi minuti prima vi è un’enorme differenza. Ma è bello combinare entrambi, e penso che questa sia la strada da percorrere. La spiritualità è sempre più un tema importante e d’interesse nella nostra società, perché le persone si svegliano lentamente e iniziano a cercare un senso più profondo della vita, al di là dello stress e della fretta.

Kambô:

Il Kambô è il veleno di una rana che vive nella foresta amazzonica. I popoli nativi lo usano come medicina e come “vaccino” (per esempio contro la malaria). Spiritualmente ti libera dai blocchi e permette che le cose di cui hai bisogno nella vita ti arrivino e che spariscano quelle irrilevanti (anche le persone). Per applicare il veleno si bruciano dei piccoli punti sulla pelle. Dopo di ciò inizi a vomitare e ti liberi di tutte le tossine che si sono accumulate nel corpo nel corso del tempo. È una delle cure di disintossicazione più rapide della storia. Il processo dura circa mezz’ora.

Rapé:

Il Rapé è un tabacco sacro. Attraverso un piccolo tubo di bambù o un osso cavo, viene proiettata in entrambe le narici una miscela di erbe in polvere, che disintossica i seni paranasali e i seni frontali e decalcifica la ghiandola pineale. Il Rapé apre i chakra e purifica l’aura da blocchi e energie extraterrestri. Inoltre aumenta la vibrazione (vibrazione alta ;-))  Durante l’incontro post-ritiro con Hinnerk abbiamo assunto di nuovo Rapé e Kambô con lui. C’era giusto qualcosa del veleno della rana nella miscela di erbe che ricordava il corpo del Kambô. Sentivo nuovamente quella pressione nell’esofago, che mi ricordava il trattamento con il Kambô, ma era solo una versione più leggera. Vi sono varie miscele, ad esempio il rapé di eucalipto, che ha anche un buon sapore. Quando assumi il rapé devi semplicemente fare silenzio, sederti e ascoltarti per circa dieci minuti. Senti un bruciore nel naso e nella fronte, ma è sopportabile. Si deve lasciare che agisca e non pulirsi il naso per dieci minuti, poi lo si può lasciare uscire soffiandosi il naso.

Ambil:

Ho conosciuto l’Ambil appena due settimane fa. Hinnerk mi ha venduto un piccolo vasetto. Anche questo è tabacco sacro, ma nella forma di una pasta dura. Per familiarizzare con l’Ambil, inizialmente prendilo per 21 giorni consecutivi, una quantità equivalente a un grano di riso ogni mattina. E a seguire, la quantità della grandezza di un pisello. Non voglio essere irrispettosa, ma la pasta ha un tale cattivo odore da sembrare vecchia di 200 anni. Ho dovuto davvero superare me stessa, ma devo dire che il sapore non è così male, sapeva persino un po’ di cacao. Si applica la mattina dietro le gengive inferiori e poi lo lasci sciogliere in bocca con la saliva. È come avere della sabbia tra i denti. E dopo un istante porta l’attenzione al tuo corpo, il vero proposito per cui si assume. È particolarmente adatta alle persone che pensano molto, dato che aiuta a riconnettersi con il proprio corpo. Ho iniziato il mio ciclo di 21 giorni il 31 gennaio. Inizialmente lo sentivo nelle gengive, sentivo proprio che pulsavano. E man mano che scendeva nella mia gola, sentivo intensamente il chackra della gola e tutto il torace. Ovviamente mi ero spaventata, ma decisi di fidarmi e tutto è andato bene. Per produrla, la pianta del tabacco  si fa bollire, si frantuma e si mischia con sali vegetali. L’Ambil aiuta a centrarsi, a sentire il corpo e ad esprimersi. Si dice che fortifichi le parole, e che ciò ti faciliti nel comunicare la tua verità. Nei popoli indigeni, si prende l’Ambil prima di tenere un discorso importante di fronte alla tribù riunita. Inoltre aiuta ad affrontare e risolvere una serie di dipendenze, tra cui quella dalla nicotina. Consumare una gran quantità di Ambil (più o meno due volte la grandezza di un pisello), aiuta quando si ha bisogno di vomitare.

Sono molto grata e felice, grazie mille

Marinka


Per info e domande non esitare a contattarci: italia@innermastery.es 

Quota

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top