AYAHUASCA, UN VIAGGIO TANTO DOLOROSO QUANTO LIBERATORE. Testimonianza di una donna disposta a vedere le radici della sua sofferenza.

COMPRENDERE IL VUOTO INTERIORE PER MEZZO DELL’INDAGINE SUL PASSATO

Voglio condividere la meravigliosa esperienza che ho vissuto a Tenerife, con la sacra pianta di Ayahuasca.

 

Sono arrivata al ritiro con un vuoto enorme dentro me… già avevo visto dei documentari sull’Ayahuasca, grazie alle informazioni diffuse da Inner Mastery e anche altre che avevo cercato per conto mio.

Avevo provato anche altre terapie e letto molti libri, ma l’Ayahuasca aveva richiamato la mia attenzione ed ero sul punto di fare un ritiro, in un’altra occasione, al quale poi non sono riuscita a partecipare…forse non ero pronta ancora. Comunque, il 10 giugno ho avuto la mia opportunità e devo dire “Benedetta opportunità”. Ho vissuto qualcosa che non mi aspettavo… non avevo nessun proposito in particolare se non quello di fare un viaggio interiore.

L’Ayahuasca è così intelligente che alla prima sessione mi ha preparata: è stato tutto così tranquillo e comodo, lei sa ciò che fa, mi ha insegnato che in principio non avevano senso per me, ma poi al secondo giorno mi ha insegnato cose mi hanno lasciata di sasso… cose che credevo di aver dimenticato e lei si è occupata di mostrarmi. Mi sono vista come se fossi stata in un film, immagini di situazioni molto dolorose per me, è stato un viaggio dentro di me molto doloroso, ma alla fine ho capito perché sentivo quell’enorme vuoto dentro.

Non ho parole, se non di ringraziamento verso la madre Ayahuasca e verso Alberto José Varela per aver fondato Inner Mastery e per mettere a servizio di tutti questo regalo meraviglioso che viene dalla natura.

Vorrei ringraziare Victor, per la sua meravigliosa partecipazione come psicoterapeuta, per averci fatto comprendere molti sentimenti e per aver condiviso con noi la sua esperienza. Infine vorrei ringraziare ognuno dei partecipanti con i quali ho passato quel fine settimana stupendo.

Per me è stato il viaggio più bello che abbia mai fatto, all’inizio è duro – ma di questo si tratta – di vedere ciò che si ha bisogno di vedere, non quello che uno vuole vedere.

 

Malena Escobar

italia@innermastery.es

 

Quota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su