“IL PAZZO” POESIA DI KHALIL GIBRAN, “Mi domandano: Come sono diventato pazzo?”

ABBANDONARE LE MASCHERE È LA PIÙ GRANDE DELLE PAZZIE

Dice Khalil Gibran nel libro Il Pazzo:

 

Mi domandi come sono diventato pazzo.

Accadde in questo modo: un giorno mi risvegliai da un sonno profondo e scoprii che mi avevano rubato tutte le maschere, maschere che avevo modellato ed usato in altre vite.

Fuggii senza maschera per le sovraffollate strade gridando: “Ladri, ladri, maledetti ladri

Uomini e donne ridevano di me, ed alcuni si precipitarono nelle loro case timorosi di me.

E quando arrivai nella piazza del mercato, un ragazzo in piedi sul tetto di una casa gridò: “È un folle

Alzai lo sguardo per guardarlo e per la prima volta il sole baciò il mio viso nudo e la mia anima si infiammò di amore per il sole ed in quel momento non desiderai più le mie maschere.

Come in un’estasi gridai: “Benedetti i ladri che hanno rubato le mie maschere”

Così fu come diventai Pazzo.

 

Quota

1 thought on ““IL PAZZO” POESIA DI KHALIL GIBRAN, “Mi domandano: Come sono diventato pazzo?””

  1. Amazing! Meravigliosa descrizione, mi ha aperto il cuore e la mente, intesa e Comprensione…
    «Quelli che sono talmente pazzi da credere di poter cambiare il mondo…sono quelli che ci riescono!»
    Grazie…

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top